Info climatiche

Gli itinerari si concentrano tutti dall'inizio di Aprile alla fine di ottobre.

In questo periodo il clima è di tipo continentale con temperature molto elevate (ad eccezione di Tajikistan e Kyrgyzstan ove, comunque le temperature non scendono mai sotto i 20 gradi centigradi). Da consigliarsi un abbigliamento di tipo estivo con l'aggiunta di una giacca a vento e di scarponcini da trekking. 

Lontana dai mari, l'Asia Centrale ha un clima continentale, torrido in estate e gelido in inverno. Nella sua parte settentrionale, dal Volga alla Mongolia passando per il Kazakistan, si stende una vasta steppa dove il nomadismo pastorale è stato sempre il sistema di vita più adatto, e oggi in declino.

Questa zona confina a nord con la taiga e a sud con zone desertiche o semidesertiche ricche di oasi. Il Turkmenistan è per la maggior parte costituito dal deserto del Karakum (le Sabbie Nere) e di Kizilkum (le Sabbie Rosse). La provincia cinese dello Xinjiang è formata da due depressioni separate da una catena di monti, il bacino del Tarim a sud e la Zungaria a nord, in gran parte occupate dal deserto di Taklamakan. Più a est si stende il deserto di Gobi.

A sudest dell'Asia Centrale si ergono le più alte montagne del mondo, il Pamir, lo Hindu Kush e lo Himalaya. Tutte comprendono vette oltre i 7.000 m, come anche il Tian Shan che separa il bacino del Tarim dalla Zungaria. Se non si passa per le steppe a nord, l'attraversamento dell'Asia Centrale obbliga a scavalcare passi posti a più di 4.000 m di altitudine.

Da queste montagne scendono fiumi che permettono la pratica di una agricoltura d'irrigazione. La gran parte dell'Asia Centralesoffre la scarsità di precipitazioni.

Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!